In vacanza a Lanzarote, l’isola dei vulcani

Chiunque abbia la possibilità di visitare Lanzarote almeno una volta nella vita porterà con sé dei ricordi incancellabili.

La bellezza dei suoi paesaggi vulcanici, delle sue spiagge dorate, dei suoi tramonti mozzafiato, uniti alla cordialità della sua gente rendono quest’isola spagnola – la più nord-orientale dell’Arcipelago delle Canarie – un piccolo paradiso.

Lanzarote è il luogo di vacanza ideale per chi ama la natura. Tra gli itinerari più belli, in tal senso, spicca quello vulcanico che trova la sua più grande espressione nel Parco Nazionale di Timanfaya. Quest’area, che si estende su una superficie di di 5107 ettari rappresenta uno dei migliori esempi  di habitat vulcanico della Canarie.

L’accesso a piedi è consentito solo in alcuni punti del Parco, ma è possibile, comunque, visitarlo rivolgendosi agli appositi centri.

La ricchezza naturale di questa zona le hanno fatto meritare, nel 1993, il titolo di riserva della biosfera attribuito dall’UNESCO. Al suo interno si distinguono due ecosistemi. Il primo, di tipo terrestre, è costituito da zone ricoperte di lava, che formano un paesaggio dai tratti quasi lunari. Il secondo ecosistema è di tipo marino e si caratterizza per la presenza di lastroni, soffioni e spiagge nere.

Le pecualiarità paessaggistiche del parco hanno affascinato il famoso regista Stanley Kubirck che lo ha scelto come set per alcune scene di 2001: Odissea nello spazio.

>> Per maggiori informazioni: www.lanzarote.com/timanfaya/

LEGGI ANCHE:

  1. Cinque motivi per andare in vacanza a Gran Canaria
  2. Carnevale di Las Palmas de Gran Canaria
  3. Formentera: spiagge, mare e sole

Ti possono interessare anche...

The following two tabs change content below.
Sono una Web Content Editor freelance. Mi occupo di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ho deciso di spiccare il volo con un’attività tutta mia. Le mie più grandi passioni oltre l'ecologia? Il Web, la scrittura e la Spagna.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *