Le Ramblas di Barcellona

    Le Ramblas sono senza dubbio uno dei luoghi più suggestivi della bella Barcellona. Si tratta di un incantevole viale che unisce Piazza de Cataluña al mare e al Port Vell, l’antico porto cittadino.

    All’inizio delle Ramblas è collocata la Font de Canaletes uno dei simboli di Barcellona. Si tratta di una fontana di ferro, inaugurata nel XIX secolo, legata a una tradizione particolare. Si dice che chi beva le sue acque sia destinato a ritornare a Barcellona. La fontana è rinomata anche come luogo in cui i tifosi del Barça si riuniscono per festeggiare le vittorie e gli esiti positivi della loro amata squadra di calcistica.

    Passeggiare per le Ramblas è un’esperienza unica che permette di assaporare da vicino il carattere cosmopolita di Barcellona. In questo viale è possibile incrociare persone e artisti di strada di ogni nazionalità: dai mulatti caraibici agli ecuadoregni passando per i turisti europei e giapponesi, che si dilettano a fotografare le numerose statue viventi che si esibiscono nell’affollato e colorato andirivieni.

    Imboccando una strada secondaria è possibile arrivare al Mercado de la Boqueria, uno dei più antichi mercati d’Europa, risalente al XIII secolo, che presenta bancarelle di ogni tipo, ma in particolar modo alimentari.

    Proseguendo per le Ramblas si giunge invece al Monument a Colom, una statua del 1888 dedicata a Cristoforo Colombo. Il monumento, alto 60 metri, annuncia il porto e rappresenta insieme all Sagrada Familia, il simbolo universale di Barcellona.

    LEGGI ANCHE:

    1. La Barcellona di Gaudí
    2. Il Museo del Rock di Barcellona
    3. Nuova rotta Lamezia-Barcellona

    Ti possono interessare anche...

    The following two tabs change content below.
    Sono una Web Content Editor freelance. Mi occupo di contenuti per i media (TV e Web) dal 2000. Dopo aver lavorato per alcuni anni in redazioni di società di produzione televisiva e Web Agency, ho deciso di spiccare il volo con un’attività tutta mia. Le mie più grandi passioni oltre l'ecologia? Il Web, la scrittura e la Spagna.

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *